Questo sito utilizza solo cookie tecnici, secondo la normativa vigente, non č tenuto a chiedere consenso in quanto necessari a fornire i servizi richiesti. Se vuoi saperne di più clicca qui
Accetto
IT | EN

Risk Reward: il miglior alleato del trader

Risk Reward

Nell’articolo di oggi voglio provare a convincervi circa l’importanza di questi due fattori che purtroppo vengono trascurati completamente, o presi poco sul serio, dalla stragrande maggioranza dei traders. Parliamo di rapporto risk:reward o rischio:rendimento.
 
Questo rapporto indica quanto potenzialmente potremmo guadagnare da un’operazione a fronte del rischio preso e per essere un deal favorevole occorre che sia maggiore di 1, meglio se maggiore di 2, o 3…
 
Negli articoli successivi vi spiegherò come trovandoci di fronte ad un grafico ed un buon segnale di trading possiamo anticipatamente stimare il risk reward dell’operazione che stiamo valutando di fare, per il momento concentriamoci solo su questo rapporto indipendentemente da come esso sia stato calcolato. Chiamiamo quindi il nostro rischio R che suggerisco essere una percentuale pari al 2% (non superiore) del nostro capitale ed i nostri potenziali profitti li chiameremo R, 2R, 3R ecc, così da perdere il 2% nel caso in cui il mercato dovesse andarci contro ma guadagnare il 4% o il 6% se il mercato dovesse andare dalla nostra parte.
 
Da quanto detto sopra si capisce che il rischio che intendiamo prendere deve essere necessariamente in soldi e non in pips, pertanto dobbiamo fare in modo che qualsiasi ampiezza abbia il nostro Stop Loss, nel caso peggiore perderemo sempre il 2% del capitale e non di più! Naturalmente cercheremo di evitare operazioni con Stop ampi per non avere dei target “futuristici” e troppo ambiziosi per il tipo di operatività e di mercato.
 
Dopo questa breve introduzione veniamo allo scopo di questo articolo: convincervi ad accettare solamente trade con rapporto rischio rendimento almeno di 1:2, e lo farò con un esempio. Supponiamo di avere la seguente serie di 10 trade di cui, ne vinciamo solamente 4, il 40% di profittabilità:
 
Trading Statement
 
Nella tabella è indicato anche il rapporto rischio rendimento per ogni singola operazione, il numero di pips persi e guadagnati e i conti del Trader A, il quale entra a mercato con 1 lotto fisso (ogni pip quindi vale 10$), e del Trader B che rischia il 2% del suo capitale ad operazione. I capitali di partenza sono da 10.000 $.
 
Giudicate voi il risultato finale con solamente il 40% di trade vinti! Immaginate quindi se aveste in mano una tecnica dal 60%-70% di profittabilità come quella che vi insegno che splendidi risultati avreste ottenuto.
 
Vi ho convinto?
 
Se non siete ancora convinti, allora prendetevi tutto il tempo per farvi altre simulazioni, altri conti…. quello che penso è che il Santo Graal che tutti cercano ma che nessuno trova (chissà perchè?) lo avete appena letto.
 
Buon trading.
 
Nicola