Questo sito utilizza solo cookie tecnici, secondo la normativa vigente, non Ť tenuto a chiedere consenso in quanto necessari a fornire i servizi richiesti. Se vuoi saperne di più clicca qui
Accetto
IT | EN

Blog

Nicola Gagliardi - Venerdi 23 Dicembre 2016 - 15:59:06

Ciao Traders,

con questo video formativo voglio mostrarvi la semplicità di riconoscere il trend in atto senza l'uso di "stregonerie" particolari ma solamente osservando il prezzo.

Sono sicuro che da oggi guarderete il mercato con occhi diversi.

 

 

Buona visione.

Nicola

Nicola Gagliardi - Domenica 4 Dicembre 2016 - 10:57:25

Trading Plan

I mercati finanziari si sa sono in continuo movimento senza ordine ne schemi fissi… il mercato si muove. Quando guardiamo il nostro monitor osserviamo tutti i giorni un’infinità di opportunità di guadagno, sia in acquisto che in vendita, ogni secondo pensiamo a “quanti soldi avremmo potuto fare SE avessimo preso QUEL movimento!” .. ma il movimento è andato e i soldi sono sicuramente finiti nelle tasche di qualcun’altro con le idee chiare. E’ proprio per il fatto che le possibilità di guadagnare dai mercati sono pressoché infinite che molti trader vanno in confusione perdendo letteralmente la “bussola”, ed è qui che nasce la necessità di darsi delle regole, un trading plan appunto!
 
Come appena detto, un trading plan non è altro che una serie di regole che dovete scrivere e seguirle alla lettera e con continuità senza mai andare fuori dagli schemi. Queste regole ci permettono di darci un ordine (mentale e non) nel disordine dei mercati finanziari. Andiamo ora nel dettaglio. Un trading plan deve dirci sostanzialmente quando entrare a mercato, quando uscire dal mercato e con quale rischio. Inoltre dovrebbe contenere un piano di fuga nel caso le cose dovessero mettersi a nostro sfavore. Come già discusso quando ho parlato di schemi comportamentali, è importante seguire delle regole fisse anche per portare la statistica a nostro vantaggio e guadagnare costantemente dai mercati.
 
Un piano di trading dettagliato deve contenere i cambi e i timeframes che si intendono osservare (e perchè no, anche quando osservarli), eventuali indicatori che utilizzate nel vostro template e come devono interagire tra di loro e/o con il prezzo al fine di darvi un segnale di ingresso, idem per i segnali di uscita, quando uscire prematuramente da un trade prima che questo vada a profitto o a stop loss (piano di fuga), size di ingresso o calcolo del rischio, eventualmente prevedere delle chiusure parziali… ecco tutte queste cose e molto altro dovrebbero essere scolpite in voi al fine di ripeterle ogni giorno e non sgarrare mai!
 
Io ho un piano di trading e lo faccio spplicare a tutte le persone che mi seguono ogni giorno, nella nostra routine. E’ un piano molto molto semplice, con poche regole semplici e chiare, e per questo facile da seguire senza coinvolgere molto l’emotività. Quest’ultimo è un aspetto molto importante perchè  avere delle regole che ci dicano esattamente cosa fare ci evita di dover mettere “del proprio” quindi ci permette di agire sui mercati in maniera rigorosamente oggettiva.
 
Spero che dopo aver letto questo articolo si prenda finalmente una decisione: continuare ad azzardare sui mercati o iniziare ad affrontarli in maniera disciplinata e professionale…
 
Nicola